Post in evidenza

Il premier riapre alle attività sportive: diretta

Dal 4 maggio si riprende. Dalle parole appena espresse dal premier in diretta TV nazionale, sportivi professionisti e non, potranno tornare agli allenamenti all’aperto, col mantenimento delle distanze già note ed evitando assembramenti o uscite di gruppo. Finalmente un graduale ritorno alla normalità. Seguiranno approfondimenti

Post in evidenza

News: di nuovo in sella dal 4 maggio?

È al vaglio del Governo l’ipotesi, anticipata dalle dichiarazioni del viceministro alla Salute Pierpaolo Sileri, di togliere i divieti per gli sport all’aperto entro il 4 maggio , consentendo così alle persone di allontanarsi liberamente dalla propria casa di residenza, il tempo necessario per svolgere l’attività sportiva come la bicicletta, ma sempre da soli non in gruppo. Il viceministro, pur con tutte le cautele del caso, si è espresso in questi termini: ”Dobbiamo dare più libertà di movimento ai cittadini italiani e la soluzione possibile è questa che tiene conto anche del senso di responsabilità delle persone “. Una notizia che farà rianimare le speranze di tutti noi ma che non potrà farci abbassare la guardia su quanto stiamo tutt’ora vivendo.

Nuovo DPCM, ulteriori restrizioni per movida e spostamenti

Dopo il vertice di governo, che si è tenuto nella serata di ieri a Palazzo Chigi, sono state varate le nuove norme che saranno contenute nel nuovo DPCM. Tra le novità il divieto di spostamento tra Regioni anche nelle zone gialle. Ulteriori restrizioni sulla movida, con il divieto di asporto per i bar dopo le 18.

Confermato il coprifuoco alle ore 22 e si va verso una nuova stretta anti-movida, col divieto di asporto di cibi e bevande dopo le 18 dai bar per evitare aperitivi in strada ed eventuali assembramenti. Ma verrà introdotta la zona bianca in cui l’unica restrizione dovrebbe essere quella di indossare la mascherina e mantenere le distanze. Queste alcune delle prime indiscrezioni che escono fuori dal vertice appena concluso a Palazzo Chigi, del governo con i capidelegazione di maggioranza sul nuovo Dpcm che entrerà in vigore dal 16 gennaio per contrastare e contenere il diffondersi del Covid-19 e che verrà illustrato dal ministro della Salute Roberto Speranza il 13.

Tra le misure del nuovo dpcm, dovrebbe essere prolungato il divieto di spostamenti anche tra Regioni gialle. Non sarebbe prevista, invece, una stretta nei weekend che renderebbe tutte le regioni “arancioni”. Sulle soglie dei parametri che decreteranno i colori delle zone e sulla durata del nuovo dpcm si deciderà dopo il vertice con le regioni. Riguardo la stretta anti-movida e il divieto d’asporto dai bar dopo le 18, dovrebbero dunque essere consentite solo le consegne a domicilio. La proposta dovrà comunque essere sottoposta alle regioni nel vertice di domani con il ministro per gli Affari Regionali, Francesco Boccia. Inoltre, si va verso un rinvio dell’apertura dell’impianti sciistici, ma si attende ancora il parere dei tecnici sulle nuove proposte che devono arrivare dalle Regioni dopo che erano state invitate ad aggiornare il protocollo. Si discute poi sull’ipotesi di confermare o meno le restrizioni natalizie riguardo alle visite a parenti e amici.Il governo intanto sta valutando anche la proroga dello stato di emergenza in scadenza a fine gennaio, anche se sulla nuova data si sta ancora ragionando.

Basket: Il lay-up di Gay decide l’incontro, l’Orlandina supera l’ostacolo Treviglio

Quinta vittoria consecutiva per l’Orlandina, che batte in casa Treviglio per 98-97. Un match deciso da un lay-up di Gay ad otto secondi dalla fine.

Top scorer ancora una volta Jordan Floyd con 29 punti, ma a rubare la scena è il gladiatore Samuele Moretti: per lui 26 punti, 16 rimbalzi, 7 assist per un 48 totale di valutazione.

Prossima sfida per i paladini la trasferta sul campo di Orzinuovi, che si giocherà lunedì 18 gennaio alle ore 20:00

IL MATCH

La gara prende il via a ritmi altissimi, con ben 12 punti nei primi 100 secondi di gioco. Treviglio prova a prendere il largo con la tripla di Sarto, ma i paladini replicano con Taflaj e Floyd. Sono i tre punti di Pepe a portare gli ospiti sul +6 (12-18) dopo cinque minuti di gioco, ma con Moretti ed il gioco da tre punti di Floyd, Capo d’Orlando torna sul -1. Frazier e Floyd si danno del filo da torcere, ed è la tripla di Del Debbio a riportare la parità a quota 22. Anche Nikolic è preciso dall’arco, così come Taflaj (25 pari). Reati chiude il gioco da tre punti, mentre con Floyd e Moretti l’Orlandina passa in vantaggio per la prima volta nella gara.

Le grandi protagoniste dei primi cinque minuti del secondo periodo sono le difese. Capo d’Orlando si schiera a uomo e gli ospiti riescono a muovere la retina solo con la tripla di Reati. La situazione cambia nella seconda metà del quarto, con a segno Floyd, Nikolic e Frazier, che si inserisce senza troppi problemi nella difesa biancoazzurra. La tegola per l’Orlandina è l’espulsione di Johnson dopo il canestro del -3 (38-41), quando mancano 23 minuti e mezzo al termine della gara, per il fallo tecnico che fa seguito al precedente fallo antisportivo. Pepe e Frazier portano Treviglio sul +8 (38-46), mentre Gay infila la tripla da 7 metri e mezzo, ma è ancora Pepe a trascinare i suoi sul +9 (43-52). Nel finale con Moretti e la tripla di Gay Capo d’Orlando torna sul -4 (48-52) ma Sarto mette la tripla dall’angolo che manda le squadre negli spogliatoi sul 49-55.

Al rientro dall’intervallo lungo è il festival delle triple: vanno a segno Sarto, Floyd, Frazier, mentre Reati porta Treviglio sul massimo vantaggio, +12 (54-66), ma i paladini si rifanno sotto con la tripla di Gay ed un super Samuele Moretti, che si fa sentire in difesa e sotto le plance, chiudendo il gioco da tre punti che vale il -7 (64-71). Treviglio prova a tenersi ancora a distanza con le triple di Sarto e Bogliardi, ma a salire in cattedra è ancora Moretti, insieme a Taflaj, con il 2/2 del numero 33 in maglia biancoazzurra che chiude il terzo parziale sul 71-75.

In avvio di ultimo quarto Frazier infila la tripla, ma è ancora Moretti-show, con Floyd e Fall ad allungare sul +5 (85-80). Treviglio però reagisce, con Pepe e Nikolic e la tripla di Sarto che porta gli ospiti in vantaggio (86-87). A Floyd replica Frazier, ma Nikolic mette la tripla del +2 (90-92). È ancora Moretti a prendersi sulle spalle i suoi, chiudendo il gioco da tre punti che riporta avanti Capo d’Orlando. Treviglio non molla e, anche grazie ad alcune disattenzioni dei padroni di casa, Frazier e Nikolic trovano il fondo della retina per il +4 con 55’’ ancora da giocare (93-97). I paladini non demordono e negli ultimi 20 secondi il protagonista è Flavio Gay, che subisce due falli e dalla lunetta porta Capo d’Orlando sul -1 a 14 secondi dalla fine. In un finale al cardiopalma Fall ruba palla a Reati, innescando il contropiede chiuso da Gay, che porta i paladini sul +1 a 8’’ dalla fine. Frazier prende il tiro del possibile controsorpasso, ma non tocca nemmeno il ferro e i biancoazzurri possono festeggiare la vittoria.

Runner cieco corre da solo grazie a un app, la storia di Thomas Panek

Thomas Panek, runner americano cieco a causa degli sviluppi di una retinite pigmentosa, ha recentemente realizzato il suo sogno di tornare a correre da solo, senza l’ausilio del suo cane guida Blaze o di una guida umana.

LA VITA DA ATLETA DI PANEK

Correre da soli è una cosa che iniziamo ad imparare fin da piccoli, quando il nostro cervello impara i cosiddetti schemi motori di base. Ma per una persona che ha perso l’uso della vista, azioni elementari come questa risultano complicate da realizzare, se non attraverso un aiuto esterno.

Panek è stato capace, nel 2015, di correre la maratona di Boston in 3 ore e 42 minuti, con Scott Jurek, un ultramaratoneta che lo ha guidato in questa impresa. Il runner americano, amministratore delegato di Guiding Eyes for the Blind, azienda che fornisce cani guida a persone con grave perdita della vista, ha avviato un progetto per addestrare alcuni migliori amici dell’uomo a fare attività sportiva podistica. Fra questi vi è anche il suo cane, Blaze, con il quale Panek riesce a correre un miglio in circa nove minuti.

L’IDEA DI GOOGLE

Ma Panek voleva molto di più: aveva il desiderio di tornare a correre sulle sue gambe, senza aiuti. Così, l’atleta ha presentato la sua idea al colosso americano Google, i cui ingegnieri sono stati chiamati in causa lo scorso anno durante un hackathon, un evento di brainstorming aziendale in cui vengono presentati progetti innovativi.

Così, il team della catena di Bill Gates ha ideato un app basata su un sistema di intelligenza artificiale, che permette di connettere lo smartphone del runner con una imbracatura da mettere attorno alla vita. Un’app sfrutta la fotocamera del cellulare per tracciare il percorso mentre il software (utilizzato per la progettazione di videogiochi) invia in automatico segnali audio a delle cuffie a conduzione ossea che vibrano se il corridore si allontana dal tracciato.

Panek ha condotto diversi esperimenti in questi mesi, basati su piccole distanze. Poi, a novembre 2020, è arrivato il grande atleta: cinque chilometri corsi da solo a Central Park. In una fredda giornata autunnale, Panek correva a maniche corte, felice di potere realizzare il suo sogno.

Non è ancora chiaro i futuri sviluppi che potrà avere questo tipo di tecnologia, ma le potenzialità da questo punto di vista sono enormi.

 

Basket: Ragusa conquista la vittoria nel finale, battuta Bologna 86-82

Foto Fb “Virtus Eirene Ragusa”

(di Pietro Minardi)

La Virtus Eirene Ragusa vince il big match di giornata contro la Virtus Segafredo Bologna, con il punteggio di 86-82. Una partita sofferta per le aquile iblee, che erano volate sul +11 alla fine del primo quarto, salvo poi essere letteralmente abbattute dalle emiliane prima dell’intervallo lungo.

Dal rientro in campo in poi si è giocata una partita tiratissima, in cui le biancoverdi sono anche riuscite a ribaltare la somma punti dell’andata. La Passalacqua ha avuto vita davvero dura con Bologna, le cui giocatrici hanno dimostrato grande perseveranza sotto il profilo difensivo, oltre a tirare meglio dall’arco, con un 47,6% di squadra a fine gara.

La grande prestazione delle ragazze di coach Serventi è attestata dai numeri di Bishop (27 punti) e di Begic (19 punti), a cui Ragusa ha saputo opporre una prova di squadra, trascianata da Marshall (24 punti) e da Harrison (17 punti). Ed è proprio la numero 15 iblea a decidere il match a 8 secondi dalla fine. La statunitense è stata abile a prendersi il fallo da Begic e a realizzare i due liberi del definitivo +4.

Vittoria importante, in chiave classifica e in chiave morale – dice proprio il tecnico ragusano -. Bologna ha dimostrato di essere tra le migliori del campionato, andando a vincere ovunque, tranne a Ragusa, Venezia e Schio. Grande prestazione di gruppo, sicuramente con errori ma con grande sacrificio da parte di tutte le ragazze; qualche errore individuale che ci fa arrabbiare però va bene così, è stata una gara intensa e di buon livello tecnico, ci sono state tante situazioni in cui noi cercavamo di speculare su di loro e loro su di noi, quindi c’è stata anche una bella partita a scacchi. Sono contento e adesso focus sulle altre che ci saranno da qui in avanti”.

Ragusa sale così a quota 22 punti, riducendo a due le lunghezze di distanza dalle emiliane, che però vantano una partita giocata in più. Prossima sfida in programma sabato 16 gennaio alle 16,30 sul parquet della Dinamo Sassari.

Campionati italiani Ciclocross, ottimi risultati di Lo Monaco e Valeria Trupia

Si sono conclusi oggi a Lecce i Campionati Italiani di Ciclocross. Una tre giorni che ha messo in evidenza tutta la bellezza di questa disciplina e che ha visto tre siciliani al via. Dopo il Ragusano Giuseppe Messina, del Pedale Ibleo, che ieri ha chiuso a metà classifica la gara degli esordienti, riuscendo a mantenere la sua posizione fino alla fine, oggi è stata la volta di Salvatore Lo Monaco e Valeria Trupia, entrambi del Team Race Mountain di Caltanissetta, guidati dai Direttori Sportivi Gerlando Scrofani e Matteo Giannavola.

Organizzazione impeccabile sotto tutti i punti di vista. Un controllo degli ingressi perfetto ed in linea con i protocolli Anticovid imposti dalla Federazione. Da rilevare anche la presenza di un discreto numero di appassionati che hanno seguito la corsa da dietro le transenne. Un plauso a Michele Carella che gestito il cronometraggio e permesso di visualizzare tempi e distacchi in tempo reale. Un percorso molto tecnico ma difficile a causa dalle condizioni del terreno reso pesante e scivoloso dalla pioggia che per tutta la notte è caduta nel campo gara. Un percorso quasi tutto pianeggiante con una salita molto ripida che imponeva lo scendere dal mezzo per poterla affrontare.

Il primo a partire, dei due siciliani presenti oggi, Salvatore Lo Monaco, categoria U23. Prestazione di rilievo la sua se si considera che dopo la partenza velocissima, così come impone il ciclocross,all’imbocco della prima curva è scivolato e si è ritrovato in ultima posizione. Giro dopo giro è stato un rimontare posizione su posizione, per terminare la gara al 24simo posto su una cinquantina di partenti nella sua categoria.

Salvatore Lo Monaco

Successivamente è stata la volta di Valeria Trupia, per lei la prima gara stagionale in assoluto. Un prima da incorniciare. Partita fortissima ha mantenuto la sua posizione staccando, e non di poco, chi si trovava dietro di lei e tra questi diversi Elite. Alla fine sfiora la top ten arrivando 11^.

Valeria Trupia

Un risultato per noi ottimo ed insperato – afferma il DS Gerlando Scrofanipensare di ottenere risultati importanti nel Campionato Italiano era impensabile fino al giorno prima della partenza. I nostri ragazzi non hanno molta esperienza nel ciclocross, ma hanno ben figurato nel confronto con i corridori più forti di questa categoria. Mi corre l’obbligo ringraziare chi ci ha sostenuto in questa esperienza, primi tra tutti il nostro sponsor tecnico Race Mountain. Un ringraziamento particolare a Luca Bramati che ci ha dato una grossa mano ed al Comitato Regionale della Federciclismo che ci ha messo in condizioni di poterci iscrivere al campionato italiano. Ringrazio anche Matteo Giannavola, l’altro nostro DS, che assieme a me ha seguito i nostri ragazzi qui a Lecce. Il ciclocross è bellissima disciplina, il mio augurio è che si possa continuare ad essere presenti ai prossimi appuntamenti e perché no, vedere anche qualche gara di rilievo nella nostra Regione.

Il CIO ” le Olimpiadi sono a rischio”

Arriva come un fulmine a ciel sereno la dichiarazione di Dick Pound — da 42 anni autorevole membro del Cio — in una intervista alla BBC nella quale ha dichiarato: «Le Olimpiadi di Tokyo non sono più garantite».

I giochi olimpici, in programma dal 23 luglio all’8 agosto prossimi, non sono più certi. “Nessuna certezza — ha spiegato — perché il virus incombe come un elefante in una stanza. Ora la priorità per gli atleti deve essere la vaccinazione perché sarebbe saggio considerarla requisito essenziale per gareggiare“. A pochi mesi dalla cerimonia inaugurale, la constante crescita dell’epidemia in Giappone, quasi in stato di emergenza, la vaccinazione appare sempre più l’unica via di salvezza per i Giochi, decisione obbligata visto la scarsa attendibilità dei tamponi che hanno messo a repentaglio la salute degli atleti che hanno partecipato, a vario livello, alle manifestazioni sportive che si sono svolte negli ultimi mesi.

Spadafora:” Mai come oggi lo sport italiano è stato aiutato”

Il ministro Spadafora, dal proprio profilo Facebook, nell’illustrare quanto fatto fino ad oggi in aiuto per lo sport italiano, si sofferma sul fatto che anche negli altri stati la situazione non è diversa rispetto alle realtà sportive del nostro paese.

In tutta Europa lo sport è praticamente fermo. In Germania palestre, piscine e centri sportivi sono chiusi dal 2 novembre e lo saranno almeno fino a fine mese. Stessa situazione per Francia, Irlanda, Gran Bretagna (che ha già dichiarato di voler chiudere tutto fino a metà febbraio), in quasi tutta la Spagna e la Finlandia.A più di 2 milioni di ragazze e ragazzi delle scuole superiori non è ancora consentito di tornare a scuola per la grande emergenza sanitaria.Ristoranti, bar, negozi di ogni genere, anche centri commerciali, costretti ad aprire e chiudere a seconda dei colori delle regioni con un danno enorme all’economia e all’occupazione (oggi e domani, per esempio, in tutta Italia, centri commerciali e ristoranti sono chiusi).Eppure leggendo alcuni commenti sui social sembrerebbe che solo in Italia lo sport sia fermo mentre tutte le altre attività siano ripartite!Capisco le difficoltà che da troppo tempo sta vivendo il mondo dello sport, per questo ho sempre lavorato per sostenerlo e continuo a farlo. Veniamo ai fatti:- bonus gennaio per i collaboratori sportivi ovviamente ci sarà; lo abbiamo garantito sempre a centinaia di migliaia di persone sin dall’inizio della pandemia. Il Consiglio dei Ministri dovrà approvare quanto prima un nuovo decreto per tutti i ristori. Per il mondo dello Sport non ci sarà solo il bonus ai collaboratori ma anche altro, come per esempio il credito d’imposta ed il rinvio di scadenze e pagamenti;- stiamo lavorando da settimane tutti i giorni con il CTS (Comitato Tecnico Scientifico) in modo proficuo per la riapertura, che sarà graduale a seconda dei colori delle regioni e, mi auguro, di avere l’ok per poter ripartire entro fine mese;- i ristori a fondo perduto, almeno quelli erogati dal Dipartimento per lo Sport, coprivano ampiamente fitti, utenze e altre spese fino a fine gennaio. Non parliamo di spiccioli, basti pensare che solo in queste seconda fase dell’epidemia abbiamo stanziato circa 160 milioni di euro per più di 35mila ASD e SSD.- i ristori delle Agenzie delle Entrate per tutte le Partite Iva sono stati calcolati su parametri diversi, non decisi da me; nel nuovo decreto di gennaio farò presente le criticità segnalate.

Per la ripartenza stiamo elaborando un piano di aiuti straordinari per tutte le strutture sportive e anche per tutti i cittadini per incentivarli alla ripresa.Ribadisco che mai lo sport italiano, soprattutto di base, i collaboratori sportivi, le ASD, le SSD e tutti gli altri soggetti del mondo dello sport hanno avuto tanta attenzione come in questo momento storico.

Palermo, a Borgo Nuovo riprendono i lavori sulla Palestra di atletica pesante

Il 2021 si apre con una buona notizia per gli sportivi palermitani.

E’ infatti arrivato il nulla osta alla ripresa dei lavori presso la Palestra di atletica pesante di Borgo Nuovo, siglato lo scorso 7 gennaio.

A comunicarlo è la consigliera comunale del Movimento 5 Stelle Viviana Lo Monaco.

In quest’ultimo anno, a nome del mio Gruppo, ho più volte sollecitato l’Amministrazione comunale affinchè questa procedesse senza indugio all’individuazione della nuova ditta, previa verifica dei requisiti, come previsto dalle norme vigenti – sottolinea Viviana Lo Monaco -. Alla luce di ingiustificati ritardi e parziali risposte, abbiamo ritenuto di attivarci con la Consigliera della V Circoscrizione, Simona Di Gesù, e le associazioni presenti sul territorio, organizzando sopralluoghi e segnalando il pericolo di atti vandalici e di intrusioni effettivamente verificatisi, ricordando la necessità di garantire una costante vigilanza per non vanificare la parte di lavoro già completato“.

La risposta alla nostra interrogazione dell’11 novembre, inoltre, ha accertato che l’importo complessivo del progetto ammonta a oltre 980.000 euro, una somma considerevole, che ci fa immaginare un impianto sportivo interamente rinnovato e all’avanguardia che merita di tornare al più presto a disposizione della collettività. Continueremo a mantenere alta l’attenzione sulla vicenda – conclude -, soprattutto adesso che, con la ripresa dei lavori, si riesce a vedere “una luce in fondo al tunnel”, essendo consapevoli che, in un quartiere come Borgo Nuovo, al centro dell’impegno politico del M5S, lo sport può rappresentare un motivo di forte aggregazione e coesione sociale“.

Palermo Stadio Vito Schifani, chiusura con poco preavviso e disagi per le società

Per tutto il mese di Dicembre lo stadio delle Palme “Vito Schifani ” è rimasto aperto nei giorni di Sabato e Domenica dalle 7 alle 14 ,oggi l’impianto è stato chiuso senza adeguato preavviso ne comunicazione ufficiale da parte del capo impianti che ha fatto comunicazione via e-mail a tutte le società questa mattina alle 8:54, creando non pochi disagi ai fruitori dell’impianto. “Negli ultimi anni diverse società palermitane di Atletica leggera -spiega Francesco La Versa responsabile FISDIR – hanno portato e porteranno eventi nazionali e internazionali del coni e del Cip che arricchiranno o arricchirebbero lo scenario sportivo della nostra città , ma continuando così si perde la credibilità e la fiducia da parte delle Federazioni vanificando il duro lavoro delle associazioni sportive e dei suoi dirigenti, tecnici e membri dello staff che con passione si dedicano all’esaltazione dello sport e della città stessa.

Il portale del Comune di Palermo ieri sera è rimasto disponibile per le prenotazioni online che permettono l’ingresso contingentato all’impianto e tante persone oggi erano davanti il cancello dello stadio ad attendere l’apertura, in vano.” Ho riferito subito dell’accaduto – continua La Versa – all’assessore Paolo Petralia che provvederà a convocare una riunione con la dirigenza dell’assessorato allo sport . Ci impegniamo a rendere la città migliore e più efficiente con “grandi opere” e scivoliamo su piccolezze come queste che creano disservizi gratuiti ed evitabili . All’interno dell’impianto lavorano anche società paralimpiche come Vivi Sano Sport ASD Radiosa che operano nel campo della disabilità intellettiva relazionale e preparano atleti speciali che si allenano ogni giorno per le competizioni regionali/nazionali.ad oggi L’atletica, in quanto sport individuale , è una delle poche discipline praticabili in assoluta sicurezza sia per normodotati amatoriali o agonisti che per gli atleti paralimpici..Non fateci perdere la passione

Campionati Italiani ciclocross 2021

Dopo l’avvio spettacolare, come dalle attese, dei Campionati Italiani Ciclocross Lecce 2021, avvenuto nella giornata di ieri con l’assegnazione dei titoli Master (link sotto alla news di riferimento),l’evento tricolore ha in programma oggi, sabato 9 gennaio, le gare per esordienti e allievi uomini e donne, che continueranno a svolgersi senza la presenza del pubblico a causa delle stringenti normative anti Covid-19. E’ prevista la diretta streaming dalle 14:00 alle 16:00, dal sito della Federciclimo (link sotto), oltre che sulla pagina Facebook di L’Ora del Ciclismo; collegamenti anche sulla pagina Facebook di “Campionati Italiani di Ciclocross di Lecce”. Non mancheranno gli aggiornamenti dal servizio cronometraggio https://www.mtbonline.it/Live/ come riferimento per consultare le classifiche in tempo reale in tutte le categorie. Per domenica 10 gennaio, diretta su Rai Sport della gara élite uomini tra le 14:45 e le 16:00, su Rai Sport Web diretta delle gare femminili a partire dalle 13:00 (in replica su Rai Sport alle 16:15).